Ebaskolario: il vocabolario teatrale di Teatro Ebasko

“Le parole sono importanti!” dice Nanni Moretti nel film Palombella rossa.

Esistono tante parole ed espressioni nel gergo teatrale, alcune poco conosciute. Per questo….c’è Ebaskolario, la nuova rubrica di Teatro Ebasko!

Ogni venerdì alle 10 presenteremo una nuova parola e faremo dei quiz sulle storie della nostra pagina Instagram.

Iniziamo subito con la prima parola di oggi…il “Theorikòn”. Questa è una parola greca che tradotta in italiano diventa il “teorico”. Ma non cadiamo nell’inganno, perché non si riferisce a una persona, bensì ad un fondo statale istituito da Pericle nell’antica Grecia.

Possiamo immaginarlo come il più antico esempio di welfare della storia: il theorikòn, infatti, serviva a finanziare l’ingresso alle rappresentazioni teatrali delle fasce meno abbienti tra i cittadini ateniesi. Questo finanziamento si spiega alla luce dell’altissima considerazione che assumeva il teatro nella società ateniese: esso svolgeva la funzione di trasmettere i valori etici, religiosi e politici che tenevano unita la comunità.

I Greci avevano già intuito l’importanza del rito teatrale come risposta alle esigenze fondamentali dell’essere umano. Sostenere le attività artistiche e culturali non è un bene solo per chi lo fa, è un bene di tutti.

Pubblicato da news/blog Teatro Ebasko

Nato a Bologna nel 2015, sceglie il suo nome dal greco antico ἡβάσκω: “prendere forza, divenire giovani”. Teatro Ebasko è un gruppo di ricerca teatrale che attraverso la sperimentazione di differenti linguaggi artistici investiga le funzionalità del corpo in scena. Mira a valorizzare la connessione tra musica e teatro in uno slancio di rinnovamento continuo. Intendiamo l’idea di “prendere forza” come sinonimo di acquisire progressivamente conoscenza e tecnica; il riferimento principale è il sentimento di gioventù che come pionieri adolescenti ci spinge alla volontà di scoperta. Il gruppo predilige la dimensione del laboratorio permanente, radicato al territorio circostante e in confronto quotidiano con la società; trova nella creazione di spettacoli lo strumento migliore per condividere e creare consapevolezza, nell’intento di rafforzare l’esperienza collettiva e prendere coscienza di quella individuale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: